Ecobonus 2024

Indice dei contenuti

In questo articolo cercherò di darti più informazioni possibili sull’Ecobonus, incentivo fiscale messo a punto dallo Stato italiano legato a interventi di efficientamento energetico sugli edifici. Partiamo per ordine per avere una panoramica chiara di questo argomento.

Cos'è l'Ecobonus?

L’Ecobonus è un’agevolazione fiscale, concessa dallo Stato, che consiste in detrazioni dall’Irpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) o dall’Ires (imposta sul reddito delle società) da ripartire in 10 rate annuali.

L’Ecobonus rappresenta una grande opportunità per migliorare l’efficienza energetica degli edifici esistenti e risparmiare sulle spese. Assicurati di seguire tutte le indicazioni e di fornire la documentazione corretta per non perdere i benefici fiscali.

Quando scade l’Ecobonus?

Questo bonus scadrà il 31 dicembre 2024, se non ci saranno proroghe da parte dello Stato.

A chi spetta l'Ecobonus?

Hanno diritto all’Ecobonus:

  • Proprietari di immobili
  • Inquilini, comodatari e usufruttuari con il consenso del proprietario
  • Condomini per le parti comuni
  • Titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo

Cosa rientra nell’Ecobonus e quali sono le relative aliquote?

Gli interventi che possono beneficiare dell’Ecobonus sono molteplici. Per avere visione d’insieme ho raccolto in queste due tabelle le varie tipologie, indicando la relativa aliquota di detrazione fiscale.

Per interventi sulle singole unità immobiliari:

Ecobonus - Singole unità

Per interventi su parti in comune nei condomini:

Ecobonus - Parti comuni

Quali sono i documenti da conservare?

Per accedere all’Ecobonus è necessario essere in possesso dei seguenti documenti:

  • Fatture e ricevute delle spese sostenute
  • Dichiarazione di conformità degli interventi eseguiti
  • Certificazione energetica dell’edificio (non per tutti gli interventi)
  • Comunicazione all’ENEA entro 90 giorni dalla fine dei lavori
  • Copia dei bonifici parlanti utilizzati per il pagamento

Spese a cavallo di due anni? Differenza tra aziende e privati

Questa è una domanda che mi viene fatta spesso o, purtroppo, i clienti sono ignari di come dovrebbero comportarsi.

Ho voluto dare spazio ad un articolo ad hoc per queste casistiche. Quindi, se sei un cliente privato oppure un’azienda che ha delle spese da detrarre a cavallo di due anni, ti lascio il link per raggiungere l’articolo.

E obbligatoria la Pratica Enea?

La risposta è si! Se si vuole accedere ai bonus statali è sempre obbligatorio l’invio tramite il portale ENEA entro 90 giorni dalla data di fine lavori.

Nel caso tu abbia necessità di produrre questo documento, puoi prendere visione dei servizi che metto a disposizione, sia per privati che per aziende.

Se hai dubbi o domande in merito, puoi contattarmi alla mail che trovi nei contatti, sarò lieta di aiutarti!

Picture of Geom. Martina Soldi

Geom. Martina Soldi

Sono Geometra e Libera Professionista, specializzata nella redazione delle Dichiarazioni Enea per Aziende e per Privati. Mi aggiorno costantemente sui temi legati alle detrazioni fiscali per offrire un servizio completo ai miei clienti.
Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Detrazioni fiscali

730 per detrazione fiscale

17 Giu 2024

Geom. Martina Soldi

Detrazioni fiscali

Bonus Casa 2024

11 Giu 2024

Geom. Martina Soldi

Detrazioni fiscali

Bonifico parlante Intesa San Paolo

7 Giu 2024

Geom. Martina Soldi

Detrazioni fiscali

Bonifico parlante Unicredit

7 Giu 2024

Geom. Martina Soldi

Detrazioni fiscali

Cos’è il bonifico parlante?

7 Giu 2024

Geom. Martina Soldi